CONTAtti


Sede Legale Via Aporti 6 - 70020 Bitritto (Bari)
C.F. 06561970721
tel +39 342.6624110
mail ibambiniditruffaut.segreteria@gmail.com

Cooperativa Sociale

"I bambini di Truffaut" 
 

dove ci trovi
 

La Cooperativa Sociale “I bambini di Truffaut”, che vanta un lavoro pluriennale nella formazione, nella didattica del cinema, del teatro, nell’organizzazione di rassegne, Festival “Cinema&Letteratura”, cineforum e progetti per le scuole, Pon, con esperti del settore (registi, sceneggiatori, attori, critici cinematografici, ecc.), insegnanti e giornalisti qualificati, ha curato la sezione del Bari International Film Fest dedicata alla scuole: otto mattinée pensati per gli studenti con una proiezione presso il Cinema Galleria.

 

Ogni appuntamento prevede la possibilità per gli alunni di visionare il film, dalla presentazione al dibattito, guidati da critici cinematografici, giornalisti e alla presenza di eventuali autori, attori e registi e  l’utilizzo di una scheda filmica e didattica, una per ogni film, consegnata al docente referente, perché il lavoro di codificazione e di approfondimento delle tematiche proposte, per mezzo del film, possa eventualmente continuare nelle classi e con i propri insegnanti.     

Medimex Kids è una sezione del Medimex - Salone dell’innovazione musicale promosso da Puglia Sounds pensata per avvicinare gi studenti al mondo della musica affidata alla cooperativa sociale "I bambini di "Truffaut". Il percorso rivolto agli studenti è finalizzato alla partecipazione attiva al Medimex, che si svilupperà attraverso laboratori e attività formative, incontri con gli artisti, concerti, proiezioni, convegni e numerose altre attività.

 Il Medimex è il grande evento nazionale, dedicato a tutti gli aspetti del mondo musicale che si svolge dal 2011 presso il nuovo padiglione della Fiera del Levante di Bari: 8000 mq di spazio espositivo si trasformano in un villaggio della musica con oltre 100 stand, palchi dedicati alla musica dal vivo e 5 sale convegni per un fitto programma di  concerti, incontri, convegni e workshop con i protagonisti della musica italiana ed internazionale. Ogni anno il Medimex ospita grandi nomi e professionisti della musica, provenienti da 25 paesi, etichette discografiche, festival, addetti ai lavori, rappresentanti del mondo tecnologico, media e istituzioni culturali.

In particolare, il Medimex Kids prevede non solo la partecipazione al Salone, ma anche un percorso in preparazione a tale evento nel corso del quale gli studenti, a scuola, riflettono sui linguaggi musicali e incontrano cantanti, band, musicisti locali. Fra gli altri, Erica Mou, Renzo Rubino, Diodato, Mama Marjas, Radiodervish.

In Fiera, poi, l'incontro con i grandi della musica italiana: Vinicio Capossela, Giorgia, Gianna Nannini, Carmen Consoli sono solo alcuni esempi di artisti che, intervistati da Ernesto Assante e Gino Castaldo, hanno dialogato con gli studenti pugliesi. 

La musica può cambiare il mondo? Le canzoni possono essere veicolo di messaggi importanti e positivi? Possiamo ancora provare ad immaginare un mondo migliore? Ernesto Assante e Gino Castaldo, già da anni impegnati con le loro "Lezioni di Rock" nei teatri di tutta Italia, pongono questi interrogativi agli studenti pugliesi: Puglia Sounds, in collaborazione con la cooperativa sociale "I bambini di Truffaut" porta una serie di lezioni negli istituti scolastici di Bari e provincia.

 

I due critici accompagneranno i giovani in un viaggio tra le canzoni che hanno segnato la storia degli ultimi cinquant'anni, cercando di promuovere la pace, la comprensione, la condivisione, la tolleranza. Canzoni che hanno saputo parlare al cuore degli uomini e che ancora parlano al nostro cervello. Canzoni che possono essere strumento di pace. Nel segno del rock!

La Fondazione Giovanni Paolo II e la Cooperativa Sociale "I bambini di Truffaut", hanno organizzato la Prima Rassegna di Cinema di Quartiere del Comune di Bari, “A ritrovar Bellezza”.

Dal 10 gennaio e fino al 29 maggio 2016, nella Sala multimediale “Fondazione Giovanni Paolo II” (via Marche 1, Bari), la domenica pomeriggio (ore 18.30) offrirà, a grandi e piccoli, un’occasione per trascorrere la serata “non solo guardando il film, in compagnia del cinema inedito, del cinema poco programmato o del cinema da rivedere”, come ha sostenuto Giancarlo Visitilli, giornalista e critico cinematografico (la Repubblica) e presidente della “Cooperativa Sociale I bambini di Truffaut”, che da decenni si occupa di educazione all’immagine nelle scuole ed enti di tutto il territorio regionale.
Visitilli ha anche selezionato i film per la rassegna, “attingendo da una vasta filmografia: cinema di vari paesi, dagli Stati Uniti, alla Francia, passando per il cinema libanese, tutti avente come tema fondamentale la Bellezza. E’ intorno a tale tema, inserito in contesti sociali difficili, in situazioni di illegalità e di marginalità, che rifletteremo insieme sulla possibilità di riscoprire la bellezza lì dove le brutture abbondano, la legalità nei luoghi dove si è smesso di praticarla”.
La Rassegna è in
partnership con: la Diocesi di Bari-Bitonto, l’Ordine degli Avvocati di Bari, L’Edificio della Memoria, Assessorato Politiche Giovanili Educative Università e Ricerca del Comune di Bari, Azione Cattolica Bari-Bitonto, Movimento Studenti di Azione Cattolica.
Dopo venticinque anni il Quartiere San Paolo di Bari ritorna ad avere una sala cinema da centocinquanta posti, che servirà anche come sala convegni e luogo destinato alla Cultura.
E’ stato un connubio felice, quello fra la Fondazione e la Cooperativa, che già da anni collaborano nell’ambito di vari progetti, al San Paolo e non solo. Teresa Masciopinto, segretaria generale per la Fondazione, ha dichiarato: “Da oltre 20 anni la Fondazione Giovanni Paolo II opera al quartiere San Paolo, e non solo, con l’obiettivo di elevare la qualità della vita nelle periferie. Ridare al quartiere una sala cinematografica era un sogno che inseguivamo da tempo perché riteniamo che costruire occasioni di crescita culturale contribuisca a ridare dignità ai luoghi e alle persone. La sfida, ora, passa al resto della città: accorciare la distanza fra il centro e la periferia perché Bari sempre più policentrica é interesse di tutti”.
Per incentivare l’utilizzo della sala cinema, si sono voluti predisporre dei
costi ad hoc, per minori al di sotto dei 16 anni, e per gli adulti, compresa la modalità abbonamento.